Main menu:

Site search

Feeds

Categories

September 2014
S M T W T F S
« Mar    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Archive

Secure beneath the watchful eyes



Secure beneath the watchful eyes

Originally uploaded by bsadler.


Via boing boing we see that 1984 has finally arrived in England. I am under no illusions that anything different is going on in the US, but I think our PR people are generally a little more clever than to let the cards show quite this much. Or perhaps (and I find this theory much more comforting) the graphic designer knew *exactly* what she was doing and set out to send a rather different message than the one her employer asked for. When I worked in publishing, the designers called this passive aggressive design.

Comments

Comment from Steve Lawson
Time: January 10, 2007, 3:15 pm

Don’t forget the short-lived logo for the Information Awareness Office, aka Total Information Awareness.

Pingback from I Pollitici » A Londra appaiono i manifesti previsti da Orwell
Time: January 11, 2007, 8:05 pm

[...] A partire da BoingBoing, che associa i poster non ad Orwell ma al celeberrimo film Brazil di Terry Gilliam, i commenti sulle affissioni si sono moltiplicati. Che si tratti di “big brother” o “brazil” la cosa colpisce Autistici/Inventati mentre di “stile orwelliano” parla Mind Hacks che, descrivendo gli occhi che caratterizzano l’immagine del poster, sottolinea come questo possa essere figlio di uno studio secondo cui ricordare alle persone che sono sorvegliate le spinga ad agire in modo pi onesto. Non a caso c’ chi dice, osservando il poster: “Ecco, il 1984 finalmente arrivato in Inghilterra”. “All’apparenza – attaccano altri – il governo pseudo-fascista del Regno Unito ritiene di essere il potere pi elevato nel paese. Non cos: in ogni societ democratica il massimo potere lo ha il popolo. Se qualcuno deve sorvegliare allora la gente che deve guardare il Governo!”. [...]

Pingback from Matec 2006 » Blog Archive » Da puntoinformatico 17/01/07
Time: January 16, 2007, 3:52 am

[...] A partire da BoingBoing, che associa i poster non ad Orwell ma al celeberrimo film Brazil di Terry Gilliam, i commenti sulle affissioni si sono moltiplicati. Che si tratti di “big brother” o “brazil” la cosa colpisce Autistici/Inventati mentre di “stile orwelliano” parla Mind Hacks che, descrivendo gli occhi che caratterizzano l’immagine del poster, sottolinea come questo possa essere figlio di uno studio secondo cui ricordare alle persone che sono sorvegliate le spinga ad agire in modo più onesto. Non a caso c’è chi dice, osservando il poster: “Ecco, il 1984 è finalmente arrivato in Inghilterra”. [...]

Write a comment